Eleonora Marsella ci presenta Sandra Moretti, la talentuosa autrice de "L'Isola di Heta&quo


Eleonora Marsella, agente letterario di successo, persona sempre attenta alle nuove produzioni letterarie particolarmente volte alla conoscenza del mondo giovanile, che molto ha da insegnarci, ci presenta oggi l’autrice Sandra Moretti che scrive di fantascienza e che rappresenta in Italia.

Scopriamo l’autrice attraverso questa intervista curata personalmente dalla promotrice Eleonora Marsella.

Chi sei?

Mi chiamo Sandra Moretti e di professione faccio la psicologa e psicoterapeuta nel settore della clinica e della neuropsichiatria infantile. Da quasi quindici anni lavoro nel campo dell’età evolutiva, con bambini e adolescenti. Proprio da loro, dalle loro narrazioni e fantasie, ho preso spunto per la trilogia fantasy dell’Isola di Heta, di cui è stato pubblicato il primo volume “L’Isola di Heta” nel 2016 e a quasi due anni di distanza, il secondo capitolo della saga “Diversi Mondi”.

Quando ti sei avvicinata al mondo della scrittura?

Ho iniziato a scrivere seguendo un consiglio che spesso mi trovo a dare ai miei giovani pazienti: nei momenti di difficoltà, cerca comunque il lato bello e positivo e, se non lo vedi fuori, costruiscilo dentro di te. Così nasce l’idea di un altro universo, un’altra dimensione in cui immergersi per trovare nuova linfa e trasmetterla agli altri. “Esistono tanti mondi quanti ne puoi immaginare”…questa è la verità che la giovane Thea Bright scoprirà quando verrà inaspettatamente catapultata su Heta, un pianeta parallelo, uguale e diverso dal suo, ma altrettanto “umano” e per certi versi spaventoso.

Perché è arrivata lì? Quali segreti nasconde quell’isola che la spaventa e la attrae allo stesso tempo? Che cosa c’entra lei con lo strano mistero legato allo spicchio 12 e, soprattutto, cosa la lega a Nathan Delphi, affascinante Tenente che protegge il suo mondo?

Tante domande, ciascuna avrà la sua risposta. E mentre la narrazione riempirà i buchi della curiosità del lettore, spero possa colmare anche quelli più profondi, come è stato per me mentre inventavo questa realtà

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si ritroveranno tra le mani questo libro?

Il messaggio di fondo è “non avere paura di essere te stesso”. Mi rivolgo soprattutto ai ragazzi di oggi, che hanno paura spesso di crescere, di scoprire chi sono e chi dovrebbero o vorrebbero diventare. Queste due spinte, dovere e volere sono uguali e contrarie allo stesso tempo e generano conflitti che a volte ci fanno sentire bloccati e in difficoltà. Per crescere devi affrontare te stesso, conoscerti e saperti accettare per quello che sei; lottare per modificare ciò che non ti piace e accogliere quello di cui sei parte. Proprio come accade alla giovane Thea, che, catapultata in una realtà nuova e misteriosa, dovrà fare i conti con chi credeva di essere e chi è realmente e decidere quale ruolo giocare nella partita che si è appena aperta davanti a lei.

Dove possiamo trovarti?

Troverete i miei libri sul sito della casa editrice, Tabula Fati ed Edizioni Solfanelli (http://www.edizionitabulafati.it/lisoladiheta.htm), su Amazon, IBS e tutte le principali librerie italiane.

Inoltre potrete seguirmi sulla mia Pagina Facebook, Instagram e Twitter: isola di heta e sul blog: isoladiheta.blogspot.com.

Ultima indiscrezione: ma perché dovremmo leggere questo libro...?

Perché l’isola di Heta è un testo dai molti volti, esprime un’universalità di sentimenti ed educa verso un atteggiamento positivo e costruttivo. Infatti nasconde in sé più messaggi e, seppur possa sembrare il classico young adult, secondo il mio parere ha un raggio di lettura più ampio, offrendo tematiche degne di tutte le età e aprendosi a tutti.

A cura di Eleonora Marsella

Post recenti
Archivio
Il Mondo che c'è – Bologna  – Reg. Tribunale di Bologna n. 8441  del 10/11/2016  – Privacy Policy